Una donna supina mentre pratica yoga all’aperto – Nuvenia

Essere di cattivo umore prima e durante il ciclo non vuol dire soffrire di ‘angoscia esistenziale’.

È più probabile che sia la sindrome premestruale (premenstrual syndrome [PMS]), nota anche come tensione premestruale (premenstrual tension [PMT]). Oltre ad avere il seno dolente, dolori, malessere in generale e gonfiore, nel periodo che precede il ciclo le donne possono essere anche soggette a sbalzi di umore. Tutto ciò è dovuto alle fluttuazioni dei livelli di estrogeni prodotti dal corpo. Risultato: un turbinio di emozioni per alcuni giorni o persino settimane.

Una minoranza di donne accusa carichi emozionali così estremi da dover ricorrere all’aiuto del medico. In simili casi siamo ben oltre la PMS. Si tratta infatti del cosiddetto disturbo disforico premestruale (premenstrual dysphoric disorder [PMDD]) [1], che può essere accompagnato da attacchi di panico, depressione, rabbia estrema e persino pensieri suicidi. Se ti sembra di essere in questa condizione, è essenziale che tu chieda aiuto, in quanto il PMDD non può essere gestito con le tue sole forze.

Fortunatamente per la maggior parte delle donne, per quanto fastidiosa e sconcertante, la PMS non è un problema della stessa gravità del PMDD. Gestire la PMS significa trovare delle modalità per tenere a bada le proprie emozioni e avere la massima cura di sé. Per bilanciare più facilmente gli sbalzi d’umore della PMS, può essere utile praticare attività aerobiche come la corsa, la danza o lo spinning, associandole, se possibile, allo yoga che aiuta a mantenere la calma e a recuperare l’equilibrio. Anche dormire parecchio e seguire una dieta sana e bilanciata può essere di molto aiuto. Potresti avere voglia di viziarti un po’ e in questo non c’è niente di male, purché non si tratti di cioccolato o cibo spazzatura. Concediti pure qualche coccola o, ancora meglio, un massaggio.

Come gestire la PMS

Illustrazione di una donna che pratica yoga su sfondo fucsia – Nuvenia
Praticare yoga

È un ottimo modo per contrastare gli sbalzi di umore correlati alla PMS. Anche massaggi, tai chi e meditazione sono molto utili, in quanto aiutano a rilassarsi e sentirsi meno stressati.

Illustrazione di polmoni su sfondo fucsia – Nuvenia
Smettere di fumare

Se fumi, fai il possibile per smettere. Studi dimostrano che le donne che fumano, oltre a mettere a rischio la propria salute, hanno almeno il doppio delle probabilità di sviluppare, in forma moderata o grave, i sintomi della PMS.

Illustrazione di una donna che fa esercizio fisico su sfondo fucsia – Nuvenia
Tenersi in movimento

Le attività aerobiche, come camminare a passo veloce o nuotare, si sono dimostrate utili a dissipare gli stati di ansia, depressione e malinconia scatenati dalla PMS.

Illustrazione di alimenti sani su sfondo fucsia – Nuvenia
Mangiare sano

Diventa meno vulnerabile emotivamente mangiando più alimenti sani come cereali integrali, frutta e verdura e riducendo quelli dannosi come zucchero, grassi e sale.

Illustrazione di una tazza di caffè su sfondo fucsia – Nuvenia
Ridurre gli stimolanti

Nel periodo premestruale è possibile che tu abbia voglia di caffeina. Ridurre caffè, tè e cioccolato ti farà però stare meglio, perché queste sostanze possono peggiorare i sintomi.

Lo sapevi?

7
possibile durata (giorni) della PMS dopo l’inizio del ciclo
3-8%
delle donne con il ciclo presenta i sintomi del PMDD [2]
30
minuti di esercizio fisico quotidiano consigliati per combattere la PMS [3]

Continua a leggere